Blog di Psikea

Come combattere lo stress

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Come combattere lo stress? Iniziamo con il comprendere che cos’è precisamente lo stress! Secondo la visione di Hans Selye, la risposta “strategica” dell’organismo nell’adattarsi a qualunque esigenza, sia fisiologica che psicologica, cui venga a esso sottoposto.  Ogni situazione, che richiede impegno mentale o impegno fisico e che implica aspettative personali ed emotive, produce quindi una forma di stress. Partendo da questa definizione si può anche dire che lo stress “è la risposta aspecifica dell’organismo a ogni richiesta effettuata su di esso” (Selye).

È una risposta naturale, inevitabile e il trucco non è combatterlo ma saperlo gestire. È importante ricordare che il nostro corpo e la nostra mente rispondono alle situazioni nuove, strane o estremamente rilevanti con un meccanismo conosciuto come “attacco-fuga”. La teoria Fight-or-Flight è stata introdotta da W. B. Cannon, che teorizza che grazie a questo meccanismo corpo e mente si preparano a rispondere a  ogni situazioni. Per essere pronti cervello e corpo producono sostanze e risposte a livello del sistema nervoso simpatico atte ad ipereccitare l’organismo. È chiaro che queste risposte incontrollate non si possono combattere ma si può imparare come gestirle e controllarle in modo da combatterne i sintomi.

A tal proposito, ti consiglio di leggere anche questo articolo dove un topolino in gabbia ti insegnerà qualcosa di molto interessante sulla gestione degli stati di stress ed ansia 😉

Come combattere lo stress psicologico

Lo stress è legato ad aspetti psicologici, cioè può essere causato da fattori interni alla nostra psiche e allo stesso tempo comporta delle conseguenze a livello psicologico. Molti fattori ne determinano i livelli: personalità, predisposizione, eventi di vita particolari.

Alcuni esempi di eventi stressogeni sono: interrogazioni, esami, lavoro, cambio di lavoro, trasloco, matrimonio, e altri. Qualsiasi evento sia esso positivo che negativo, può essere fonte di stress.

Come combattere lo stress mentale

Come combattere lo stress mentale

Le cause dello stress sono le più varie così come le modalità con cui si manifesta.

Lo stress mentale è legato ad un impegno cognitivo elevato, ne sono esempi lo studio, il lavoro, situazioni in cui è necessario trovare delle soluzioni, e così via.

È necessario sapere che il nostro cervello è dotato di risorse limitate e se continuiamo a sovraccaricarlo per periodi di tempo troppo estesi, possiamo rischiare di sfociare in depressione od in una vera e propria Sindrome di Burnout. Nel momento in cui cerchiamo di risolvere un problema o tentiamo di prendere una decisione o vogliamo memorizzare qualcosa utilizziamo una parte di queste risorse. Più è complicato il compito che intendiamo svolgere, più risorse usiamo, maggiore sarà il carico di stress mentale.

Per attenuare questo carico e ridurre i livelli di stress è consigliabile eseguire un compito alla volta.

Cosa vuol dire questo? Quando si inizia a svolgere un compito o ci si dedica ad una attività si dovrebbe pensare solo a quello, cercando di tenere lontani altri pensieri. Ad esempio se sto pensando dove andare il week-end e con chi, devo cercare di non pensare che lunedì ricomincerò a lavorare e che in ufficio mi aspetta del lavoro arretrato. Questo tipo di organizzazione settoriale permette di alleggerire il carico di lavoro del cervello riducendo il livello di stress mentale.

Farlo non è facile ma è possibile ricorrendo ad un semplice trucco: prendete una scatola e tenetela a portata di mano inseme a dei foglietti e ad una penna; ogni volta che vi viene in mente un lavoro da fare, scrivetelo nel foglietto e mettetelo nella scatola, poi una volta al giorno prendete un foglietto e portate a termine ciò che c’è scritto. Questo vi aiuterà a pensare ad una sola ‘cosa’ per volta. Potrebbe sembrare una soluzione troppo semplice ma non è così scontato riuscire a non lasciarsi andare a frenetici pensieri riguardo le scadenze delle bollette o alla programmazione degli impegni familiari.

Come combattere lo stress emotivo

Come combattere lo stress emotivo

In modo analogo lo stress emotivo sembrerebbe legato ad un sovraccarico di pensieri legati a questioni emozionali e sentimentali. In alcuni momenti particolari della vita il nostro stato emotivo viene messo a dura prova a causa di eventi negativi come delusioni o lutti oppure in concomitanza di eventi positivi ma che implicano elevate aspettative o ansia  relativa all’esito e al futuro.

Per quanto riguarda delusioni e lutti è necessario affrontare l’argomento a parte perché molto complesso.

Per quanto riguarda lo stress da eventi positivi si deve pensare ad esempio all’inizio di un nuovo lavoro, di un nuovo percorso di studio, di una convivenza, di una nuova relazione, del trasferimento in una  città diversa, all’attesa di un figlio. Nonostante questa valenza positiva portano con sé elevati livelli di stress legati proprio al cambiamento. Ogni cambiamento nella vita dell’essere umano implica una certa dose di aspettativa e di paura dell’esito proprio come dice il proverbio: ‘chi lascia la via vecchia per la nuova sa cosa lascia e non sa cosa trova’. Guidati da questo vecchio saggio spesso ci si fa prendere da ansie, dubbi e timori che causano stress.

Per contenere e gestire lo stress legato a questa tipologia di eventi potrebbe essere consigliato il training autogeno, la meditazione, oppure degli esercizi di respirazione controllata.

Potrebbe essere anche utile imparare a riconoscere le manifestazioni corporee delle emozioni per poi nominarle in modo da dare un significato a ciò che si sta vivendo. Capita spesso che prima di un appuntamento si percepiscano alcuni sintomi fisici, riuscendo a riconoscere e a distinguere un sintomo psicosomatico da un sintomo somatico è possibile risalire alla causa, ossia a quale pensiero abbia causato quella risposta fisiologica.

Naturalmente sono tecniche complesse che richiedono il supporto di uno specialista.

Una cura miracolosa: il contatto con la Natura

Spesso ritagliarsi dei momenti per staccarsi temporaneamente da tutti i pensieri porta dei benefici, ancor di più con attività a contatto con la Natura. Diversi studi dimostrano che prendersi cura di un orto, passeggiare in un parco, praticare uno sport immersi nella natura abbassa i livelli di stress e favorisce i livelli di benessere.

Una cura miracolosa: il contatto con la Natura

Le cinque cose da fare che consiglio per rispondere alla domanda “Come combattere lo stress?” sono:

  1. Imparare a pensare ad una sola cosa alla volta;
  2. Imparare a riconoscere come il proprio corpo comunica le emozioni;
  3. Imparare a controllare le risposte fisiche allo stress con la respirazione, lo yoga e altre attività di rilassamento;
  4. Ritagliarsi almeno 15 minuti al giorno per defaticare la mente e almeno 1 ora alla settimana per dedicarsi ad attività a contatto con la natura, ad uno sport, ad una attività di svago;
  5. Non esitare a chiedere aiuto ad uno specialista del benessere psicologico nel caso in cui i sintomi dello stress risultino insostenibili.

Fabiola M. Comotti

Fabiola M. Comotti – Sono una psicologa clinica con esperienza in genitorialità, adolescenza, comunicazione conflittuale, relazioni e dipendenza dalla tecnologia. Oltre all’attività on-line, organizzo incontri individuali o di gruppo in ambienti naturali, ispirati alle teorie dell’ecopsicologia, e percorsi di pet-therapy coadiuvati dal cane.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizia a migliorare
la tua vita!

Articoli correlati

Questo sito utilizza i cookies per assicurarti una migliore esperienza di utilizzo.